CAMBIAMENTO CLIMATICO E DIRITTO DELLA SOSTENIBILITA' - IUS/13

Docenti: 
PINESCHI Laura
CARPANELLI ELENA
Crediti: 
2
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2021/2022
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
DIRITTO INTERNAZIONALE (IUS/13)
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Anno di corso: 
4

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire allo studente le nozioni fondamentali in materia di cambiamento climatico e diritto della sostenibilità.
Con specifico riferimento al modulo di Diritto internazionale, l’obiettivo consiste nel fornire allo studente le nozioni fondamentali in materia di: sviluppo sostenibile e principi generali di diritto internazionale dell’ambiente; norme di diritto internazionale particolare in materia di prevenzione del cambiamento climatico; procedure di prevenzione di violazione dei trattati sulle modificazioni climatiche; nesso esistente tra norme a tutela dell’ambiente e dei diritti umani; prassi delle Nazioni Unite e dei sistemi regionali di protezione dei diritti umani rilevante in materia di sviluppo sostenibile e modificazioni climatiche; approccio “human rights based” al contenzioso climatico.
Al termine del modulo di Diritto internazionale, lo studente dovrà aver maturato la capacità:
- di riconoscere, interpretare e applicare correttamente i principi di diritto internazionale dell’ambiente e i trattati che concorrono a formare il quadro giuridico internazionale in materia di modificazioni climatiche;
- di conoscere il funzionamento delle procedure di non-compliance dei trattati sulle modificazioni climatiche;
- di conoscere e applicare correttamente le norme di diritto internazionale dei diritti umani rilevanti in materia di sviluppo sostenibile e cambiamento climatico;
- di approfondire autonomamente lo studio delle questioni relative al cambiamento climatico nel Diritto internazionale dell’ambiente;
- di approfondire in autonomia lo studio del “contenzioso climatico” pendente dinanzi a tribunali nazionali e agli organismi di garanzia istituiti da trattati sui diritti umani;
- di applicare le conoscenze acquisite a casi concreti e di sostenere le proprie tesi con proprietà di linguaggio e argomentazioni adeguate.

Prerequisiti

Si consiglia vivamente agli studenti di seguire il corso dopo aver sostenuto gli esami di: Diritto costituzionale; Diritto amministrativo; Diritto internazionale; Diritto dell’Unione europea; e Diritto tributario.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso esplora il ruolo del Diritto internazionale, del Diritto dell'Unione europea, del Diritto costituzionale, del Diritto amministrativo e del Diritto tributario nel mitigare il cambiamento climatico e nell’adattarsi alle sue conseguenze pregiudizievoli. In particolare, il primo modulo di Diritto internazionale (3 CFU) concentrerà l’attenzione su: 1) la nozione di sviluppo sostenibile e i principi di diritto internazionale che concorrono alla sua realizzazione; 2) il quadro giuridico internazionale in materia di cambiamento climatico: la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico; il Protocollo di Kyoto; e l’Accordo di Parigi; 3) modificazioni climatiche e tutela dei diritti umani.

Programma esteso

Il primo modulo sarà così articolato:
(Prof. Laura Pineschi)
13 – 14 settembre La nozione di sviluppo sostenibile e i principi di diritto internazionale dell’ambiente
15 settembre Il quadro giuridico internazionale in materia di cambiamento climatico: la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico; il Protocollo di Kyoto; l’Accordo di Parigi
(Dott. Elena Carpanelli)
20 settembre Sviluppo sostenibile e tutela dei diritti umani
21 settembre Diritti umani e contenzioso climatico dinanzi ai tribunali nazionali
22 settembre La lotta ai cambiamenti climatici di fronte ai meccanismi di garanzia istituiti dai trattati sui diritti umani

Bibliografia

A. Fodella e L. Pineschi (a cura di), La protezione dell’ambiente nel diritto internazionale, Giappichelli, 2009, le seguenti parti: Capitolo V (I principi generali), pp. 95-129; Capitolo VI (Protezione dell’ambiente e tutela dei diritti umani), pp. 133-160; Capitolo IX (La soluzione delle controversie in materia ambientale e le procedure di non-compliance), pp. 217-219; 229-233; Capitolo X (La protezione dell’atmosfera e della fascia d’ozono e la prevenzione dei cambiamenti climatici), pp.237-239; 247-260;
M. Montini, Riflessioni critiche sull’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, in Rivista di Diritto internazionale, 2017, pp. 719-754;
F. Mussi, Cambiamento climatico, migrazioni e diritto alla vita: le considerazioni del Comitato dei diritti umani delle Nazioni Unite nel caso Teitiota c. Nuova Zelanda, in Rivista di Diritto internazionale, 2020, pp. 827-831;
M. La Manna, Cambiamento climatico e diritti umani delle generazioni presenti e future: Greta Thunberg (e altri) dinanzi al Comitato sui diritti del fanciullo, in Diritti umani e diritto internazionale, 2020, pp. 217-224;
F. Passarini, CEDU e cambiamento climatico nella decisione della Corte suprema dei Paesi Bassi nel caso Urgenda, in Diritti umani e diritto internazionale, 2020, pp. 777-785.

Metodi didattici

Il Modulo di Diritto internazionale comprende sia lezioni frontali sia momenti interattivi con gli studenti, consistenti, prevalentemente nell’analisi e discussione di documenti internazionali e di sentenze di tribunali internazionali e nazionali, disponibili sulla piattaforma Elly.

Modalità verifica apprendimento

L’esame è scritto e consiste nel sottoporre agli studenti un test a risposta multipla e due domande aperte.
Le conoscenze e la capacità di comprensione verranno accertate con 10 domande a risposta multipla, volte a verificare l’effettiva conoscenza dei concetti fondamentali relativi ai cinque moduli.
La capacità di applicare le conoscenze e l’autonomia di giudizio verranno accertate invitando lo studente a discutere le nozioni generali alla luce di due casi ipotetici.
La capacità di comunicare verrà accertata valutando l’abilità dello studente nell’utilizzare la terminologia tecnica appropriata e nell’applicare correttamente particolari norme o principi.
Le capacità di apprendimento verranno accertate attraverso una valutazione complessiva delle risposte fornite alle domande di verifica.

Altre informazioni

Le informazioni relative agli altri moduli in cui si compone il corso sono disponibili nei Syllabus dei rispettivi referenti di materia (Prof. Antonio D’Aloia; Prof. Francesco Vetrò; Prof. Alberto Comelli; e Prof. Marco Inglese).