DIRITTO DI INTERNET E DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE - IUS/18

Docenti: 
GARDINI Marco
Crediti: 
1
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2021/2022
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
DIRITTO ROMANO E DIRITTI DELL'ANTICHITA' (IUS/18)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Anno di corso: 
4

Obiettivi formativi

Conoscere le soluzioni suggerite dai giuristi romani per applicarle ai problemi generati dalle scelte dei robot.

Prerequisiti

nessuno

Contenuti dell'insegnamento

L’esperienza giurisprudenziale romana può offrire utili suggerimenti in relazione a due nuove problematiche sollevate dalla presenza di macchine intelligenti.
La prima è di ordine generale e riguarda lo status e la responsabilità dei robot. Diversi studiosi (es. Sartori e Pagallo) hanno infatti tentato di accostare la posizione dei robot a quella degli schiavi, proponendo anche di fornirli di una analoga dotazione economica (digital peculium).
La seconda, invece, è più specifica e riguarda le scelte che le auto a guida autonoma potrebbero essere costrette a compiere in situazioni di emergenza. In questo caso tornerebbe utile attingere all’esperienza dell’actio de pauperie, che offre un modello di impostazione delle controversie relative ai danni causati dagli animali pericolosi tuttora operativo in diversi ordinamenti (in particolare in Sudafrica).

Bibliografia

Il matariale didattico verrà caricato online sulla piattaforma Elly (non più di 30 pagine).

Metodi didattici

Le lezioni saranno erogate in modalità frontale e seminariale, favorendo il più possibile la partecipazione degli studenti.

Modalità verifica apprendimento

Le interrogazioni orali consisteranno in non più di 3 domande, che consentiranno di valutare il livello di conoscenza e comprensione acquisite (con punteggi individuali da 0 a 10 per ogni domanda, con valore di merito crescente). Nel determinare il voto finale sarà dato valore alla qualità dell’argomentazione giuridica e all’accuratezza dell’esposizione. Il voto finale positivo sarà espresso in una scala di valutazione da 18 a 30.
Nell’eventuale perdurare dell'emergenza sanitaria e a seconda dell'evolvere della stessa, l'esame di profitto potrà svolgersi in presenza, in modalità mista (ossia in presenza, ma con possibilità di sostenimento anche a distanza per gli Studenti che ne facciano richiesta al Docente), oppure solo con modalità on line per tutti (a distanza). Della modalità prescelta sarà data tempestivamente notizia sul sistema esse3 con anticipo rispetto allo svolgimento dell'esame.